Paradontologia, la "piorrea" si può curare

La parola parodontale significa "intorno al dente". E' il trattamento della patologia definita spesso "Piorrea".

La malattia parodontale attacca le gengive e l'osso che sostengono i denti. La placca è una pellicola adesiva di residui di cibo, batteri, e saliva. Se la placca non viene rimossa, si trasforma in calcolo (tartaro).

Quando la placca e tartaro non vengono rimossi, iniziano a distruggere le gengive e l'osso. La malattia parodontale è caratterizzata da gengive rosse, gonfie e sanguinanti.
Quattro persone su cinque hanno la malattia parodontale e non lo sanno! La maggior parte delle persone non sono consapevoli di essa, perché la malattia è in genere indolore nelle fasi iniziali.

Non solo è il numero uno dei motivi per la perdita dei denti, la ricerca suggerisce che ci possa essere un legame tra la malattia parodontale e altre malattie come, ictus, polmonite batterica, il diabete, le malattie cardiovascolari, e un aumento del rischio durante la gravidanza. Nei fumatori il rischio di malattia parodontale aumenta notevolmente.

Fino a poco tempo fa, la parodontopatia o “piorrea” veniva considerata come una malattia incurabile. I nuovi metodi di trattamento hanno mostrato risultati eccelenti.

Nel nostro centro interveniamo su 4 distinti livelli

1) Ablazione del tartaro con ultrasuoni con anestesia

2) Trattamento a quadranti di levigatura delle radici in anestesia

3) Trattamento profondo delle tasche paradontali biodinamico con laser

4) Trattamento chirurgico delle lesioni

Milioni di persone, dopo 30 anni di età, soffrono di diverse malattie parodontali, ma può verificarsi anche nelle persone più giovani. Per determinare il tipo di trattamento – chirurgico o non chirurgico, il fattore più importante è la determinazione del tipo di malattia parodontale, lo stato parodontale dei denti, la persistenza del paziente stesso e i controlli regolarmente fatti.